Post in evidenza

domenica 17 febbraio 2013

Autunno della mia vita di donna




Nell’età dell’autunno mi trovo ad essere soddisfatta del cammino percorso e a rileggere quello che è stato per riuscire a progettare ciò che sarà.

Ho rughe intorno agli occhi per riuscire a vedere tutto ciò che mi circonda alla luce delle esperienze vissute. Amo mettermi in discussione e criticare il mio modo di agire, di pensare, e perché no, anche di sognare accettando la sfida che la vita in ogni istante ti propone e scommettendo che non è mai il momento di mettere i remi in barca e lasciarsi semplicemente guidare dalla corrente.

Se giovane ventenne mi lasciavo impulsivamente coinvolgere dal dare giudizi sentenziosi e determinati, oggi prima di giudicare lascio che l’indulgenza riesca a trovare le possibili motivazioni per le fragilità altrui o le debolezze umane, così da consentire a chiunque un margine di azione che sia la risultante di ciò che purtroppo non gli è stato donato.

Ho fin da giovane investito nel sentimento, giudicato più con il cuore che con la ragione, proprio perché dentro di me ho sempre privilegiato “il sentire” più del “giusto sapere”. Non tutto si può comprendere con la ragione, molte volte sono proprio le verità più dolorose e conflittuali che necessitano di quel sentimento “forte” che ci rende diversi da tutti gli altri esseri viventi. La sensibilità, il saper vedere ciò che è nascosto, leggere nelle lacrime altrui, il cercare di comprendere al di là dell’ovvio mi ha sempre aiutata a vivere e a sentirmi parte integrante di questo splendido universo che agisce come spinto da una forza invisibile, che molti di noi chiamano Amore.

Non mi è mai stato facile accettarmi per quella che sono, ho sempre cercato di percorrere strade che mi conducessero ad una consapevolezza maggiore di quelle che sono le mie possibilità, che molte volte hanno avuto bisogno di essere risvegliate dal dolore per poter emergere e far sì che io potessi riappropriarmi di me stessa. Ho sempre nella mia borsa, come sul comodino, un libro che mi narri “la meraviglia del mondo” di quel mondo in cui io voglio vivere per tutti i giorni che Dio mi concederà su questa terra. Ho sete di vita, di esplorare il mio mondo e l’altrui, ed è forse per questo mio bisogno che cerco di togliere sempre la scorza esteriore a tutto ciò che mi circonda sforzandomi di leggere la realtà dell’umano vivere, non nella sua buccia luccicante, perfetta, profumata, ma nel suo succo talvolta dolce ma anche agro e crudo ma fortemente intriso di umanità. Da giovinetta ho sognato con Liala, con Brunella Gasperini, da moglie  innamorata ho continuato a sognare con Rosamunde Pilcher e B. Taylor Bradford, ed oggi che sono nonna continuo a sognare con Tolstoj, Baricco, Pirandello, Follett, J. Austen, Murakami, Sveva Casati Modignani… che riescono a farmi entrare nei mondi che sono al mio parallelo, ma vissuti con ottiche diverse ma pur sempre meravigliosamente umani.

Nell’autunno della mia vita sono diventata più comprensiva, meno intransigente, e convinta che tutto ciò che facciamo per amore assume un aroma unico, che ha la grande capacità di assemblare anche le stonature o gli elementi eterogenei tra di loro, perché è un collante speciale che riesce a fondere ciò che visto attraverso la luce della ragione resta distante e distaccato. L’amore è come una tela di ragno, che viene stesa in modo informale ed invisibile, ma nel momento stesso in cui la si incontra ci si resta impigliati e nessuna creatura può dopo tale incontro essere quella che era prima.

Passati i cinquanta, le illusioni a poco a poco lasciano la strada alla concreta realtà, ma quanta voglia ancora di sognare, sperare, gioire, amare, c’è nella vita della donna che è contemporaneamente madre e nonna!!!

Oggi vivo la libertà di essere semplicemente quella che sono, senza dover dimostrare né di essere meglio, né di essere diversa, ma semplicemente me stessa, con i miei moltissimi difetti, le mie qualità, le asperità del mio carattere, le cicatrici della vita vissuta e le rughe segnate dal tempo che ha scavato sul mio corpo la dialettica del divenire.

Oggi tengo gelosamente strette a me le mie sofferte conquiste, ma non dimentico le dolorose sconfitte, poiché è proprio grazie a loro se oggi riesco a conoscermi un po’ di più, e sono in grado di perdonarmi e perdonare gli altri per gli errori commessi e per le errate valutazioni fatte.

Sono riuscita ad apprezzare la compagnia di me stessa sforzandomi di osservare, gustare, ascoltare tutto ciò che mi circonda perché sono convinta che non dobbiamo lasciar passare alcun giorno senza trovarne il suo unico e profondo significato!

Per essere donna
occorre agire con il cuore,
osservare con gli occhi,
ascoltare con l'intelletto,
assaporare con la memoria,
sognare con la fantasia,
toccare la realtà
per sprofondare nell'amore
e di questo inebriarsi e saziarsi.



-AnnaMaria Ponziani-

1 commento:

  1. Non ci sono parole da aggiungere...
    Stupenda creatura!

    RispondiElimina